Follow on Bloglovin
@nicolettareggio

Posts Tagged ‘anoressia bulimia’

I SAY NO TO ANOREXIA

Il post di oggi tratterà un argomento molto delicato e che mi sta molto a cuore.
Spero di riuscire ad esporre al meglio il mio pensiero ma soprattutto di farlo con il giusto “tatto”.


Qualche giorno fa ho ricevuto la periodica mail di Style, l’oggetto ha subito catturato la mia attenzione “firma contro l’anoressia”.
Ho aperto la mail e la locandina, i cui colori principali erano il nero e il bianco, sottolineavano in modo chiaro il messaggio breve e conciso “ VOGUE AGAINST PRO-ANOREXIA WEBSITE
Incuriosita, non ho potuto fare altro che lasciarmi trasportare dal link che mi reindirizzava all’articolo della direttrice di Vogue Italia, Franca Sozzani.
Apprezzo molto il suo ruolo e il percorso formativo della direttrice ma sono completamente in disaccordo con il suo pensiero o meglio credo che sia semplice “dettare legge” ma non credere nella medesima.





I media continuano a lottare contro questa malattia, divulgano messaggi all’apparenza inattaccabili e perfetti.
LA MODA SI METTE IN PRIMA LINEA PER COMBATTERE L’ANORESSIA.
Contro l’anoressia? Ma siamo sicuri?
Per quanto belle e toccanti da farmi quasi commuovere le loro parole risultano essere false e costruite come la bellezza che invade i loro schermi.


I disordini alimentari, come l’anoressia che letteralmente sta a significare “senza appetito” e la bulimia che apparentemente è l’estremo opposto, sono considerate malattie pari alla tossicodipendenza. Esse collezionano ogni anno numerose vittime, tra i quali giovani dell’età compresa tra i 12 e i 25 anni.
Le vittime sono in continuo aumento così come i numerosi siti web, blog e diari chiamati “PRO ANA” che abbracciano la thinspiration.
Si supportano, si danno consigli per evitare di ingerire cibo, per vomitare e per usare lassativi.
Adorano la magrezza allo stadio estremo, pubblicano fotografie dove viene raffigurata una donna dalle forme “malate” e quando “l’intruso cerca di fargli notare che la loro situazione le porterà solo all’auto distruzione si alleano per insultarlo.
Ragazze che prima di tutto sono poetesse. Attraverso la poesia esprimono il loro malessere, la loro solitudine e la loro ossessione per il dimagrimento.



Ma qual è la causa di questi disturbi?
Siamo perennemente bombardati da pubblicità, copertine e programmi televisivi che vantano modelle, veline e presentatrici dal corpo perfetto.
Dove le uniche protagoniste sono le “donne oggetto” prive di difetti, splendide, irraggiungibili, funzionali al marketing e al grande business che cresce  dismisura dietro di loro.


E ancora si domandano qual è la causa di questi importanti disturbi alimentari! Oggi voglio essere io a dire la mia e voglio chiarire i loro dubbi.
Qual è la causa?
E’ forse colpa di quello che ho appena scritto? Certo! Non possiamo dare la colpa solo agli stilisti che scelgono di mandare sotto i riflettori giovani donne con le ossa in vista. L’INTERO SISTEMA E’ SBAGLIATO.

Quante di voi hanno sfogliato pagine di giornali che ritraevano pelle, visi e corpi perfetti?
Quante di voi hanno detto almeno una volta “magari fossi così”?
I soggetti anoressici e bulimici pensano di raggiungere ideali di perfezione che i media ci propongono “sottobanco”, attraverso diete drastiche fai da te.
E’ un mondo fatto di bambole di pezza, finte e imperfette come tutti noi e non sarà di certo una dieta a farvi diventare “belle”. Vi render solo più infelici. Ogni giorno vorrete sempre di più, fin quando non deciderete di mettere a rischio il bene più grande: la vita.


Non importa se si è magre o in sovrappeso, bisogna essere ciò che si vuole senza lasciar che siano gli altri a decidere per noi!!





Spero che abbiate apprezzato questo post.
Ora lascio a voi la parola e spero di riceve i vostri pareri in merito.


I apologize if I have not translated but Itas really difficult for me, you can use the translator in the home.
I hope to do better in the next post.

Follow The Scent of Obsession

Follow The Scent of Obsession
With love 
Nicoletta


Popular posts

Archivi

Social